Disastri naturali: tempeste e terremoti

Negli ultimi anni a livello mondiale, il numero delle inondazioni, dei cicloni tropicali, dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche sta aumentando vertiginosamente.

Il numero delle tempeste più potenti è raddoppiato. La durata dei cicloni tropicali e i picchi di velocità del vento sono aumentati di circa il 50 per cento.

Gli uragani sono in grado di raggiungere la velocità di oltre i 200 chilometri orari. “La velocità massima del ciclone tropicale medio è destinata ad aumentare, anche se gli aumenti potrebbero non riguardare tutti i bacini oceanici”, sostiene un rapporto del 2012 dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change).

Secondo alcuni scienziati, questo è dovuto ad un aumento della temperatura atmosferica e della superficie del mare e degli oceani. Ciò che è accaduto nelle Filippine e in Sardegna ne è una dimostrazione.

Nelle Filippine:

L’8 novembre 2013 si è abbattuto il supertifone Haiyan che ha provocato migliaia e migliaia di vittime. Non si conosce il numero esatto: c’è chi parla di 2000, 3000 morti ma, secondo diverse fonti, il numero è destinato a salire. I forti venti hanno provocato onde che hanno superato i cinque metri di altezza travolgendo le diverse isole abitate.

Il 15 ottobre 2013, si è abbattuto un forte terremoto di magnitudo 7.2 che ha provocato la morte di oltre 200 persone. Questo si è verificato in quanto le Filippine si trovano su una fascia costellata da vulcani e soggetta a frequenti terremoti chiamata Anello (o Cintura) di Fuoco del Pacifico.

In Sardegna:

Il 18 novembre 2013, si è abbattuta una forte alluvione che ha provocato 16 morti. Strade e case sono state inondate da acqua e fango nell’intera provincia di Olbia. La pioggia che normalmente cade in sei mesi, si è riversata solo in 24 ore.

Parlando dell’Italia, un comunicato di Legambiente afferma:”In dieci anni l’area dei territori coinvolti da frane e alluvioni è raddoppiata, passando da 4 regioni coinvolte annualmente alla media attuale di 8 regioni”.

1
Ciao!
Vuoi avere qualche informazione sul corso LIS?
Powered by